Efficacia durante l'allenamento con il minitrampolino per l'osteoporosi

Dovepress Journal 01.04.2019

Il Dove Press Journal Clinical Interventions in Aging ha pubblicato uno studio che indaga gli effetti positivi dell'allenamento mirato con il mini-trampolino nei pazienti con osteoporosi. In un periodo di 12 settimane, i parametri equilibrio, forza, mobilità, andatura e paura di cadere sono stati esaminati e valutati in pazienti con osteoporosi. Si sono allenati con un mini trampolino.

Tutti gli individui sono colpiti dal processo di invecchiamento, che è caratterizzato da una perdita di massa muscolare, equilibrio e controllo motorio compromesso. Lo studio esaminava se l'esercizio regolare potesse avere un effetto positivo sui sintomi e sulla sofferenza associati all'osteoporosi.

I 40 soggetti tra i 56 e gli 83 anni di età sono stati divisi in due gruppi. Un gruppo di controllo, che eseguiva la consueta terapia per l'osteopenia senza esercizi con il trampolino. Il secondo gruppo si è allenato due volte a settimana per un periodo di 12 settimane su un mini trampolino con maniglie per 45-60 minuti sotto la guida di un allenatore esperto. Nello studio, sono stati osservati 6 diversi parametri con i seguenti esercizi:

  • Esercizi di equilibrio (ad esempio, correre sul posto, stare in piedi su una gamba, ecc.)

  • Allenamento della forza per rafforzare gli arti superiori e inferiori e il tronco (ad es. squat, flessione ed estensione delle braccia, ecc.)

  • Esercizi di salto per ridurre il rischio di lesioni (ad es. diverse variazioni di salto)

I risultati dello studio hanno chiaramente dimostrato che l'allenamento mirato con esercizi combinati di equilibrio, forza e salto su un mini trampolino può prevenire i sintomi dell'osteoporosi. Anche la paura di cadere è stata ridotta al minimo nei partecipanti, che si sentivano più sicuri nella vita di tutti i giorni e avevano un maggiore controllo sui propri movimenti rispetto al gruppo di controllo.

Maggiori informazioni su come contrastare l'osteoporosi con il bellicon qui

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6929928/pdf/cia-14-2281.pdf

Condividi il contenuto