In forma saltando, il bellicon® come alternativa alla corsa

Rivista tedesca "AktivLaufen", 01/2017

"Il mini-trampolino fa lavorare la forza di gravità per te. Questo nuovo fitness trend espone il corpo a forze di accelerazione varianti, dalle due alle quattro volte superiori alla normale forza di gravità, stimolando fino all’ultima fibra.   

Saltare sul mini-trampolino rappresenta un allenamento per l’intero corpo che sollecita molti muscoli simultaneamente, stimola il metabolismo e scioglie i cuscinetti di grasso. Questo sport non allena solo le gambe, ma anche tutta la muscolatura del torace, impiegata tra l’altro per mantenere l’equilibrio.

Il senso dell’equilibrio viene stimolato tanto quanto la stabilità e la muscolatura profonda dell’intero corpo. L'allenamento sul mini-trampolino non è solamente molto efficace, ma anche molto divertente.

L’alternativa al jogging che protegge le articolazioni 

In particolare per chi corre, saltare sul mini-trampolino è un’alternativa appropriata per l'allenamento della resistenza con il vantaggio che il giorno dopo non si accusano né dolori alle ginocchia né dolori muscolari post-allenamento. Inoltre, sul trampolino si allenano in modo ideale i tanto importanti quanto trascurati muscoli grande psoas e iliaco.  

Metti la tua musica preferita durante il training in modo da poter rimbalzare a tempo e darti ancora più slancio. Fai attenzione a eseguire il riscaldamento prima di svolgere gli esercizi, per preparare la muscolatura e le articolazioni ai movimenti inconsueti e prevenire gli infortuni!   

Inizia a rimbalzare lentamente a contatto con il telo e aumenta costantemente il ritmo del movimento. Infine, molleggia dalla gamba sinistra alla gamba destra per abituarti al telo. Dopo un riscaldamento di circa 5 minuti puoi iniziare il training!   

Per il nostro articolo abbiamo utilizzato un bellicon® Classic e ci ha convinti. È disponibile con diametro di 100 cm, 112 cm o 125 cm, con gambe svitabili o pieghevoli.

Controllo della postura sul mini-trampolino bellicon® 

  • Allenarsi a piedi scalzi o con i calzini
  • Le ginocchia sono leggermente piegate
  • Le rotule sono rivolte in avanti, ma non vanno oltre le dita dei piedi
  • Tutte le dita restano a contatto con il telo, i piedi sono paralleli
  • Postura fisiologica della colonna vertebrale: leggera lordosi (incurvatura in avanti della colonna) a livello lombare

Le articolazioni dell’orecchio, della spalla, del fianco e del piede sono allineate a formare una linea verticale.

Condividi il contenuto